Villa Vaccarino, lo stile liberty ed i fantasmi


I fantasmi di Villa Vaccarino 

Risultati immagini per fantasmi giustiziatoLo storico Antonino Micale, nello “Stradario storico della città di Milazzo“, parlando di via Cristoforo Colombo si sofferma a descrivere villa Vaccarino. Parla di un “vasto giardino, sottostante lo storico quartiere degli Spagnoli, … adibito quale ‘luogo di supplizi’ per criminali comuni e militari. Qui venne fra l’altro impiccato e decapitato, nel 1817, un pirata napoletano, certo Aniello Cuomo … Il ‘giardino’ passò, poi, di proprietà della famiglia Zirillli e su parte di esso sorge la bella costruzione liberty della villa Vaccarino (recente proprietà comunale) nel cui parco un’antica credenza popolare vuole che errino ‘ombre’ e ‘voci’ dei giustiziati, e dove sino agli inizi del secolo era consuetudine delle popolane fare le ‘scute‘ notturne; un ‘ascolto’ di rito quasi pagano riferito al futuro di eventi e di persone“. In pratica qualcuno vedeva l'ombra di Cuomo girovagare per i viali della Villa con la sua testa in mano. Che si tratti di un luogo si supplizi è verità. Per esempio, il Santo Padre S. Francesco, quando giunge a Milazzo, scorge in questa zona, detta la collina di S. Basilio, un condannato a morte che penzolava da tre giorni, ormai gonfio e puzzolente, appeso al cappio. Si commuove a pietà ed ordina al povero monachello che era con lui, tale Majorana, di tagliare la corda. Il monaco si rifiuta per paura di essere suppliziato anch'egli, ma l'altro frate calabrese sale sul patibolo e recide la corda: il morto cade nelle braccia di S. Francesco e riprende a vivere.

Ma torniamo allo stile liberty di Milazzo.

Alfons Mucha, Frutta, 1897. L'Art Nouveau, noto in Italia anche come stile floreale, stile Liberty o arte nuova, fu un movimento artistico e filosofico che si sviluppò tra la fine dell'800 e il primo decennio del 1900 e che influenzò le arti figurative, l'architettura e le arti applicate. Il nome Art Nouveau ("arte nuova") fu coniato in Belgio, in Francia il movimento era noto anche come Style Guimard, Style 1900 o École de Nancy (per gli oggetti d'arte); anche in Gran Bretagna fu noto come Art Nouveau insieme alle definizioni in lingua di Modern Style o Studio Style, mentre in Germania prese il nome di Jugendstil, in Austria Sezessionstil, nei Paesi Bassi Nieuwe Kunst (traduzione di Art Nouveau in olandese), in Polonia Secesja, in Svizzera Style sapin o Jugendstil, in Serbia e Croazia Secesija, in Russia Modern e, in Spagna, Modernismo.Giuditta I

Il nome Stile Liberty che si diffuse in Italia deriva dai magazzini londinesi di Arthur Liberty, che esponevano regolarmente oggetti d'arte e tessuti disegnati in stile Art Nouveau alla fine del XIX secolo. L'Art Nouveau in architettura e design degli interni superò lo storicismo eclettico che permeava l'età vittoriana. Gli artisti dell'Art Nouveau selezionarono e modernizzarono alcuni tra gli elementi del Rococò, come le decorazioni a fiamma e a conchiglia, al posto dei classici ornamenti naturalistici vittoriani. Prediligevano invece la Natura per fonte di ispirazione ma ne stilizzarono evidentemente gli elementi e ampliarono tale repertorio con l'aggiunta di alghe, fili d'erba, insetti. In definitiva il carattere più rivoluzionario della ricerca architettonica fu la completa rinuncia all'ordine architettonico che nonostante alcuni sperimentalismi aveva conservato per tutto il XIX secolo un proprio ruolo in tutto il panorama architettonico, non soltanto accademico.

Milazzo e lo stile Liberty.

Risultati immagini per villa vaccarinoMilazzo come porto di mare, terra degli Inglesi che vissero nell'800, non poteva rimanere insensibile alle nuove mode. La villa liberty, costruita nel 1929, ha ospitato per decenni la sede distaccata  del tribunale di Barcellona. Vivida espressione d’arte Liberty, Villa Vaccarino a Milazzo fu realizzata nel 1929 dall’ingegnere Gaetano Bonanno con la collaborazione del pittore Michele Amoroso, che ha curato la parte decorativa. La costruzione nel 1982 è stata riconosciuta di notevole interesse storico, il suo indiscusso fascino risiede nell’equilibrio tra elementi architettonici e elementi decorativi. Merita una menzione speciale, fra gli elementi di spicco di Villa Vaccarino, la fonte con vasca munita di isolotto artificiale con una replica delle fattezze della Sicilia. La villa testimonia un elegante equilibrio tra architettura, spazi e decorazioni. Al suo interno pregevoli decorazioni in legno, ferro e stucco, e degna di interesse è la recinzione realizzata in ferro battuto, dagli eleganti fregi floreali che si ritrovano nelle vetrate. Di fronte ad essa, l'altra villa che è una bomboniera, che appartiene alla famiglia dei Greco, una nobile famiglia di armatori, proprietaria di vapori, oggi abitata da Franzino Greco. Il Villino Greco di Milazzo (provincia di Messina), mirabile archetipo d’arte Liberty progettati dall’ingegnere Letterio D’Andrea risale al 1907. I tratti significativi della costruzione sono da ricercare nei colori adoperati per la decorazione floreale e per gli eleganti motivi zoomorfi nell’ornamento della facciata. Notevole è inoltre la cancellata in ferro battuto, con un disegno a grandi foglie su temi geometrici, rifatta nel 1986.

Ed ecco come appare a Natale 2018 la Villa Liberty Vaccarino di Milazzo, vedi il clip.

 

Finalmente il 15 luglio 2018, dopo un periodo di decadenza, il giardino è stato ripulito ed è stato possibile godere e fruire di questi luoghi della nostra storia, come potete ammirare nel video appresso riportato, girato da TVN Milazzo, in occasione della riapertura della Villa Vaccarino al pubblico.


 

indice argomenti su Milazzo