Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.

La corte dei piccoli Miracoli - a cura del Teatro Stabile di Milazzo

  1. Sito Milazziano
  2. Articoli su Milazzo
  3. La corte dei piccoli Miracoli

PER CONTATTI CON LA COMPAGNIA TEATRALE

+39 331 887 20 39

+39 347 29 59 989

 

Milazzo è Teatro perchè  è stato costruito nel 1911  il "Trifiletti" che fu inaugurato l'anno a seguire col rigoletto di Verdi.

 

La Compagnia Teatro Stabile, espressione di questa milazzesità, lancia un segnale elettronico indelebile perchè se ne rilanci l'importanza e la freschezza d'intenti, oggi che ci troviamo nell'era de "Nuovo Cinema Paradiso" e costruiamo supermercati.

Sito Milazziano lancia una pietra in uno stagno con acque rafferme! Da elogiare questi attori milazzesi che sembrano di altri luoghi ed altri spazi!

La commedia è di Aldo Cirri, un autore che ha origini livornesi, ma è stanziale a Roma. Autore di numerose opere per il teatro, sia a carattere brillante, sia per la drammaturgia; di recente Aldo Cirri è stato premiato con il Premio Fersen, XV edizione 2019, attribuito alla regia e drammaturgia italiana contemporanea per l'Opera "l'Amore è un gioco in cui si perde".

La scelta della compagnia Teatro Stabile di Milazzo è caduta su questa commedia drammatica per il tema affrontato che va ad analizzare i rapporti tra gli emarginati o Clochard che rappresentano soggetti che per situazioni di vita si sono ritrovati a convivere in un cortile avanti ad una Chiesa.

Nella commedia si stigmatizzano le varie situazioni individuali ed emergono elementi di solidarietà reciproca.

L'opera è stata scelta dalla compagnia anche e soprattutto per il tema della lotta alla droga, la violenza alle donne che emerge nel racconto della prostituta che si erge a nuova  Maddalena dei nostri tempi, donne che, come dice il Cristo,  "vi precederanno nel regno dei Cieli" per la disponibilità ed il tratto di umana sofferenza che li caratterizza.

Alla fine la realtà è ribaltata ed una ex-prostituta richiama il pubblico presente alle proprie responsabilità,  " il non voler vedere la realtà che li circonda",  costituita anche da barboni che vivono ai margini del sociale ma che nella disamina della commedia hanno una maggiore ricchezza di sentimenti e solidarietà umana.

 

Articoli su Milazzo