Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.

Siso, MU.MA, Castello di Milazzo

  1. Sito Milazziano
  2. Articoli di Milazzo
  3. Siso, MUMA, Milazzo

Cos'è il MU.MA?

Correva l'anno del Signore 2019, era il 14 agosto 2019, vigilia di Ferragosto e noi di Sito Milazziano, ricevendo la chiamata del Logos che regola ogni cosa, non potevamo esimerci dall'incontrare gli artefici del Museo del Mare.
Il museo detto "MUMA" è sito al Castello di Milazzo, museo la cui visione è gratuita, la cui localizzazione è nella Chiesa di Santa Maria, il primo Duomo di Milazzo, entrando dalla porta di Santa Maria, che oggi rappresenta l'unico accesso disponibile.
"MUMA", vale a dire museo del mare, è un progetto curato dalla Università degli Studi di Messina, Museo della Fauna, col patrocinio del Comune di Milazzo che ha fornito i locali.
E' stato creato un museo del mare, acronimo "MUMA", non un museo canonico, ma un museo particolare, peculiare, un viaggio interiore per trovare un equilibrio tra l'uomo ed il mare, un viaggio interiore, parliamo del mare quanto è bello preservarlo dagli impatti antropici. Il Capodoglio SISO è morto a causa di una rete illegale e per la plastica che ha nella sua pancia.
 

La triste storia di un capodoglio

Tutto comincia il giugno del 2017, come si apprezza sui totem digitali, il capodoglio SISO venne avvistato alle Isole Eolie, imbrigliato in una rete illegale, per le pinne caudali, per cui le autorità preposte, la Guardia Costiera, con un lavoro immane, riesce a liberarlo parzialmente dalla rete ed il capodoglio, non appena si sente libero, spaventato riparte improvvisamente, prima che il lavoro sia completato.

Quindi porta con sé un pezzo di rete e gli uomini della Guardia Costiera sperano che nel tempo la rete possa marcire e liberare la sua coda completamente.


Invece ogni aspettativa resta delusa, perché il povero Capodoglio il giorno a seguire si è incagliato a Capo Milazzo, nei pressi delle scogliere di Gamba di Donna, sotto Il Sautu Cavaddu e colpiva l'occhio destro, che trasmetteva sofferenza. Il povero capidoglio muore e Carmelo Isgrò lancia un messaggio forte perché facendo la necroscopia Carmelo scopre la plastica ed addirittura un vaso da giardino da vivaio, di plastica nera. Cosi il capodoglio viene scarnificato per 10 tonnellate di carne, mentre rimaneva immerso ed era immerso a 2-3 metri, le ossa sono rimaste a marinare e sono state scarnate.

vedi anche Il prof. Angelo Moietta ed il Siso film festival

Perchè è stato chiamato "Siso"

E' l' 11 luglio 2017. I fratelli Vece, Paolo e Francesco  hanno aiutato il biologo Carmelo Isgrò a trasportare le ossa del cetaceo. Purtroppo Francesco Vece, detto Siso, dallo spagnolo Francisco, è deceduto da li a poco per un incidente con lo scooter. Le storie del Capodoglio deceduto e di Siso, per uno strano intreccio del destino,  si coniugano e ciò ha fatto si che Carmelo decidesse di nomare "Siso", il Cadodoglio, in onere e per ricordo del compianto Francesco.
La storia del capodoglio Siso continua come monito per tutti, per salvare il mare dalle plastiche.

Il MU.MA

Il MUMA nasce con l'intento di sensibilizzare l'opinione pubblica circa il dovere di abolire le plastiche o, quantomeno, di farne un uso ed un riciclaggio corretto. Il museo si articola in sale, con device elettronici, compreso un casco per la visione tridimensionale con simulazione dei fondali ed un monitor touch-screen per acquisire informazione sui cetacei.

 Esistono, inoltre, delle opere d'arte fra cui un ritratto gigante di capodoglio realizzato dall'architetto Salvo Currò con un occhio bellissimo per ricordare quello destro di Siso. Inoltre i bambini di Milazzo con le plastiche recuperate a mare, in spiaggia, hanno decorato un disegno di una balena.

Il Museo è fruibile gratuitamente, segue il nostro video realizzato con l'aiuto del bravo Carmelo Isgrò, del direttore Giuseppe la Spada, con musiche di Fabio Sodano e Tanino Lazzaro. Buona visione.