Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.

Alla scoperta del sentiero della Baronia

  1. Sito Milazziano
  2. Articoli su Ambiente di Milazzo
  3. Alla scoperta del sentiero della Baronia

Vogliano subito la Riserva!

La Riserva che non c'è! E che vogliamo, subito!

Un video di Claudio Italiano che denuncia la necessità di riscoprire luoghi del tempo e sentieri del Capo e di preservarli per i posteri: il Capo di Milazzo è una realtà unica al mondo, un bene dell'Unesco!

A seguire parleremo di questo percorso immerso nella bellezza dei Luoghi del tempo, col fascino degli effluvi estivi e dei sapori e colori mediterranei.

Questo del sentiero di Baronia è il primo percorso che vi consigliamo, sicuramente adatto a quelli meno esperti di trekking.

Ringraziamo gli amici di Trivago che con grande intelligenza e perspicacia hanno capito la bellezza dei luoghi ed il nostro SOS per impedire che Milazzo venga bollata come "polo industriale".

Di questa cosa siamo stanchi e depressi. Noi siamo mare e cielo e campagne da 1.500.000 anni, da quando Milazzo emerse dalle acque, come Venere, per dare origine all'Era Geologica del Milazziano, nel Pleiostocene. Quindi non rompete più con i vostri fumi: ci avete rotto abbastanza. Questa pagina, sperando che vi piaccia, lancia una preghiera al Logos che ha progettato sapientemente Milazzo inserendola nella ottava isola Eolia e collegandola con la terraferma con le varie alluvioni. Questo siamo noi, l'ottava perla del Tirreno. Se non ci credete, immergetevi con noi tra le musiche degli Emmeles e Sodano sul sentiero della Baronia con gli amici di Legambiente. 

Related link:  Claudio Italiano ed un video per la Riserva del Capo

Antico fanale di Capo Milazzo nell'ambito degli ulivi di Baronia

Sotto video che tratta dei tramonti a Capo Milazzo, la leggenda di Elenonora Baeli ed il suo fantasma avvistato al "Sautu Cavaddu" 

FULL HD

Si dedica la pagina a...

A Calipso, dal nobile animo,
Pippo Ruggeri, l'uomo dei sogni,
Mario Crisafulli, l'uomo dei fiori,
Angelo Natoli, radiologo per hobby, di professione fotografo, per le belle foto gentilmente concesse al sito,
Al Comune di Milazzo affinché consenta un più facile accesso ai molti, compresi i disabili ai quali dedico queste pagine, perché possano in qualche modo godere da casa della visione di questi luoghi e con l'auspicio che finalmente si attua questa benedetta Riserva del Capo, prima che sia troppo tardi...

Ed ora immergetevi con noi nella pace dei tramonti, o per meglio dire, "tramari" di Capo Milazzo...

Dalla piazzetta di S. Antonino, dopo aver inevitabilmente ammirato il panorama della baia omonima sottostante, ci si incammina verso nord-ovest, imboccando una viuzza che porta al vecchio faro della Marina Militare; da qui, è possibile, attraversando gli antichi uliveti, dati in gestione a un famoso Camping di cui taciamo il nome per ovvie ragioni, giungere fino ad uno strapiombo, delimitato da una scogliera a strapiombo sul mare, dove nidifica il gabbiano ed i falco pellegrino. Qui regna una pace sovrana, a tratti interrotta dal cinguettio degli uccelli e dal canto stridulo di gabbiani enormi, che amoreggiano sulle calde scogliere del Capo. In basso spume bianche, come la neve delle cime, si abbracciano con gli anfratti degli scogli. Questa è Milazzo, una donna che t'ammalia, se sei un vero uomo, che ti scoppia nel petto, nei palpiti emozionanti che ti fanno esplodere il cuore, mentre ti si rigano gli occhi lucidi di lacrime se pensi alla bellezza del Creato ed alla immensa sapienza del Logos che li pensati!

Questi terreni appartenuti ul tempo al Barone Baeli, da lui si nomarono "Baronia" e tra questi antichi e maestosi uliveti, talora battuti e modellati dal vento di ponente, soleva cavalcare sul suo destriero la bella e sfortuna Eleonora Baeli.

Questa donna era innamorata del figlio del campiere Foti, Giacomo, un ragazzo con due occhi scuri di fuoco, che le aveva rapito il cuore. Ma il padre, per ostacolare il suo amore, che all'epoca suscitava scandalo fra le nobil donne dell'epoca, licenziè la famiglia Foti e Giacomo dovette andare via.

Presa da profondo sconforto e dalla cocente delusione d'amore, chiese il permesso al padre di andare a cavalcare nei sentieri della Baronia, ma in realtà pensava a suicidarsi. Così spronò il suo cavallo in un folle volo giù dalla rupe, detta appunto rupe del "u' sautu du cavaddu" (il salto del cavallo); nelle notti di novilunio i pescatori giurano di udire ancora il suo pianto provenire dagli scogli, giù in fondo; ma queste sono storie e leggende del nostro popolo di Milazzo.

Sotto seguono le foto gentilmente concesse da Angelo Natoli al sito "GastroEpaTo". Angelo, per i pochi che non lo conoscono, è un radiologo di Patti che opera con grande professionalità all'ospedale Barone Romeo e che ha l'hobby della foto artistica, espressione di grande spirito di osservazione e finezza d'amico. Anni luce prima di noi era già arrivato a scoprire il tesoro nascosto a Capo Milazzo.

Palombaro, struttura della fine
dell'ottocento realizzata per
il soggiorno ed il controllo delle
tonnare alla Baia di S. Antonino

Tramonto con sfondo delle isole Eolie,
Vulcano e Lipari, dalla Punta Messinese
di Capo Milazzo

Qui il viaggiatore ammira i cespugli di lentisco e canne ed intravede un sentiero tra esse che si reca fino all'estrema punta del promontorio, in una visione paradisiaca di abbraccio tra cielo e terra. Il sentiero si spinge ad oriente fino a "Punta Mazza", tappa d'obbligo per l'escursione del naturalista e dello studioso di geologia che vi ammira le stratificazione delle rocce e studia la storia delle origini del Mediterraneo, leggendovi le righe segnate da conchiglie e fossili. Profumi di primavera, cieli tersi, tramonti da fiaba si intersecano in un intreccio di colori e di emozioni; da "Punta Mazza" si può accedere da terra alla splendida e solitaria spiaggetta di Rinella o più in là andare alle spiaggette di Cirucco o penetrare in barca alla famosa grotta di "Gamba di Donna", così detta da una stalattite calcarea che ricorda appunto la gamba di una donna, meta degli innamorati!  Tra i prati che seguono agli uliveti, dicevamo, è possibile ammirare alcune piante alofile e fra esse specie assai rare di orchidea selvatica, la"Opphys sphegodes", endemica della Sicilia settentrionale, mentre intorno è tutto un coro festoso di usignoli, verzellini, capinere, tra lo sfrecciare di gabbiani e di conigli selvatici che trovano tra i dirupi e le scogliere il loro habitat naturale.

Chi è più fortunato può persino scorgere stormi numerosi di airone cinerino (se le industrie ce lo permetteranno ancora!); chi nidifica sulle rocce sottostanti è il gheppio (falco tinnuculus). A rendere ancora più romantico il paesaggio è il nostro caro e vecchi faro, un tempo abitato da un guardiano del faro e dalla sua famiglia, il sig. Currò, quando ancora non vi era una strada asfaltata che conduceva a Capo Milazzo ed il figlio del guardiano era notte e giorno in ascolto radio, pronto a dare soccorso alle imbarcazioni in difficoltà, sui 27 mHz! Oggi le abitazioni del faro sono disabitate ed esso è controllato da meccanismi elettrici, ma con il suo fascio luminoso, di notte, è come se continui ad abbracciare i pescatori ed a guidarli verso la Punta di Capo Milazzo, specie quelli dilettanti che si dedicano alla pesca dei totani, nel canale tra Milazzo e l'isola di Vulcano.

Da qui, dietro il faro, a circa 200 metri, una scalinata di più di 300 scalini, ottima soluzione per chi vuole fare sport e trekking, conduce agevolmente il viandante verso la scogliera ed i laghetti salati, dove la vegetazione di gariga e steppa e di olea oleaster, cioè ulivo selvatico, lascia il posto a rocce calcaree grigio-perlacee. Tra le piante qui è possibile scorgere delle bulbose, tra cui l'Urginea marittima e l'Iris sisyrinchium, il timo e dalle rocce pendere i cappero ed i suoi fiori viola.

Piscina naturale di Venere, all'estrema Punta Messinese di Capo Milazzo

Alla fine del percorso il trofeo è la "Punta Messinese", con lo scoglio di Portella , detto volgarmente dai popolani "U' caccioffulu" (il carciofo), dalla forma strana. Tra le forme strane della roccia bianca è possibile scorgere i tratti del "Viso di Pietra", che si colora di rosso sanguigno nelle calde serate estive ai tramonti infuocati, quando il cuore palpita nel petto per l'emozione che prende ed il canto stridulo delle cicale con i profumi delle stoppie riarse e delle euphorbie riempie l'anima.

SPECIALE RISERVA CAPO

Related link:
La Riserva Marina di Capo Milazzo
SPECIALE RISERVA CAPO
riserva del capo: le piante parte prima
riserva del capo: le piante parte seconda
Aspetti floro-vegetativi di Capo Milazzo . parte prima
Aspetti floro-vegetativi di Capo Milazzo . parte seconda
Immagini di Mario Crisafulli relativi alla preziosa flora della Riserva di Capo Milazzo
Immagini di Mario Crisafulli relativi alla preziosa flora della Riserva di Capo Milazzo- parte seconda
riserva del capo: la fauna, mammiferi
riserva del capo: Uccelli nidifanti e migratori in estinzione
riserva del capo: rettili ed amfibi

indice di ambiente