Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.

MILAZZO E IL MARE

Storie di armatori, capitani, marinari milazzesi

di Gigi Billè

  1. Sito Milazziano
  2. Articoli di Milazzo
  3. Storie di armatori, capitani e marinari milazzesi

Si può dire che una gran parte della storia di questa nostra città abbia legami strettissimi col mare e col suo porto.

E non è solo una storia di vicende militari, di scontri navali, di figure leggendarie come Luigi Rizzo, l'"Affondatore".

C'è, infatti, anche una storia che, se si vuole, si svolge più in sordina, ma anch'essa assai ragguardevole: la storia della marineria commerciale milazzese. che, nei secoli, è stata una parte molto importante dell'economia della città.

C'è da chiedersi, e da chiedere a chi ha nelle mani la politica dei trasporti nel nostro Paese, se il mare di Milazzo possa diventare nuovamente importante come tradizionalmente è stato. Vent'anni fa il concittadino, comm. Peppino Greco, presentò nei locali del circolo "Duca di Genova" una Mostra intitolata: "'Ricerche e Memorie sulla Marineria di Milazzo dal 1870 al 1882", sedici quadri aventi per soggetto: i velieri e i brigantini usciti in quegli anni dai cantieri di Milazzo, di cui erano rispettivamente titolari i Fratelli Previdenti e Giovanni e Stefano Vitale. Accompagnavano i singoli quadri la descrizione delle imbarcazioni, la stazza, i nomi degli armatori, dei comandanti e dei marinari componenti gli equipaggi.

Un atto di omaggio a un passato cui lo stesso Peppino Greco era certo interessato, per ragioni di famiglia, ma anche una testimonianza del ruolo economico importante che il comparto della cantieristica navale ebbe a Milazzo e della intraprendenza e del coraggio con cui famiglie e gruppi armatoriali milazzesi seppero gestire i loro commerci, dando lavoro a centinaia di persone e affidando al mare le loro fortune, nel segno dell'attenzione al nuovo che emergeva dal corso della storie tra '800 e '900.

 

La marineria di Milazzo, gli armatori

Anche noi vogliamo rendere omaggio a quella marineria, anzitutto riproponendo i nomi degli armatori, dei componenti gli equipaggi, delle imbarcazioni che conobbero le insidie del mare aperto, perfino degli oceani. Gli armatori delle imbarcazioni a vela (da 100 a 800 tonnellate):

Paolo e Pietro Galletti; Francesco Imbruglia, Francesco Piraino, Saverio Vicari, Marchese Tommaso D'Amico, Stefano Piraino.

Soci Molini Perseverante, Francesco Carlo Bonaccorsi. Giovanni Scarinci.

Gli armatori dei piroscafi (da 600 a 3000 tonnellate): Stefano Trifiletti, Pietro Oliva. Pietro Siragusa, Francesco Greco (fu Stefano), Francesco Buccafusca, Antonino Vaccarino, Francesco e Giuseppe Greco, Mariano Di Bella. Alcuni risultano armatori di più imbarcazioni: Paolo e Pietro Galletti di ben tre velieri: "Giulietta", "Enrichetta". e "Concetta Caterina"; la Società Molini Perseverante, del "Perseverante" e del "Mugnaio": Stefano Piraino, de "La Famiglia" e dell' "Unione".

Figurano nell'elenco anche armatori non milazzesi, ma proprietari di imbarcazioni uscite dai cantieri milazzesi: Kelly, di Trapani, i fratelli Marco e Antonio Miceli, di Messina, Rocco Rota e Pacileo, anch'essi di Messina. I comandanti: Francesco Villari, Matteo Alioto, Giuseppe Vicari . Giovanni Vitale, Francesco Imbruglia. Antonino Andriolo. Natale Cavallaro. Giuseppe Spanò, Francesco Alioto, Pietro Minasi, Francesco Iannello.

Rizzo, Salvatore Greco (fu Stefano), Stefano Vicari, Francesco Greco (fu Salvatore), Giovanni Rizzo, Luig i Rizzo, Giuseppe Buccafusca.

 

I marinai di Milazzo

I marinai: Riccardo Amato, Francesco D'amico, Antonino Minasi. Giuseppe V i salii, Francesco De Pasquale, Francesco Salmeri, Pietro Sarà. Gioacchino Torre, Filippo Russo. Antonino Alioto, Antonino Spadaro. Sebastiano Foti, Matteo Tricamo. Saverio D'Amico , Gioacchino Cavallaro, Pietro Trifiletti, Francesco Trifirò, Angelo Ullo. Stefano De Natale. Antonio La Malfa, Vincenzo La Rosa. Paolo Marzullo. Vincenzo Ilacqua. Leopoldo Laquidara, Giovanni Lembo. Giuseppe Salmeri, Francesco Cusumano, Giovanni Fioravanti, Alfredo Imbesi, Biagio Gitto, Angelo Milazzo, Andrea Coppolino, Giuseppe Curro, Lorenzo Gentile, Giovanni Patti, Francesco Napoli, Giulio Palermo, Alfonso Manganare, Aurelio Veneziano, Domenico Amato, Giovanni Castelli, Francesco Certo, Vincenzo Patti, Gaetano Spataro. Egidio La Macchia, Salvatore Messina, Giuseppe Minasi, Placido Paguni, Roberto Parisi. Francesco Cicirello. Stefano Russo, Alfonso Vitale. Giuseppe Marchese, Stefano Scauso, Rosario Tricomi, Giovanni Scolaro, Letterio Scuderi. Francesco Spoto, Francesco Ullo , Francesco De Franco, Giovanni Fleres, Antonino Imbruglia, Angelo Macrì, Antonino La Spada, Francesco Doddo, Antonio Calascione, Stefano Mantineo, Antonino Salatino, Salvatore Capone, Rosario De Natale, Tommaso Berte I velieri e i brigantini: "Giulietta" (200 ton.), "Enrichetta " (170), "Concetta Caterina" (100). "Assunta" (180), "Marietta" (300). "Roma" (160). "Corriere" (400), "L a Famiglia" (500), "Perseverante" (400), "Mugnaio" (350), "Unione" (500). "Francesco " (500), "Avvenire" (600), "Marianna" (120), " La Susanna" (800), "Salvatore" (800). I piroscafi: "Suez" (2000 ton.), "Gibilterra" (2000). "Bosforo" (2000), anno 1893. armatore Stefano Trifiletti; "Siciliano 2° " (1850), ex Princess "E/NA"-Liverpool, anni 1932-42, armatore Francesco Buccafusca;"Mylae" (olii e sapone), anno 1948. armatore Antonio Vaccarino; "Siciliano" (3000 ton.), anni 1897-1913. armatori Francesco e Giuseppe Greco; "Franca" (600), anni 1925-35, armatore Mariano Di Bella; "Perseverante" (1500), anno 1888, armatore Pietro Siragusa; "Unione" (2000), anno 1892, armatore Francesco Greco (fu Stefano); "Rodop" (trasporto animali), anno 1920. armatore Pietro Oliva.

Indice articoli di Milazzo